fbpx

Come nasce uno Scaramaz? Storia di un viaggio tra terra, acqua e fuoco.

San Valentino? Festeggialo con Scaramaz!
27 Gennaio 2021
Di ceramica, terracotta e porcellana: un piccolo viaggio tra differenze e analogie
8 Febbraio 2021
Rifinendo_scaramaz

Fabrizio Crescentini rifinisce e leviga uno Scaramaz ancora grezzo

Lo sapevi?

Per fare uno Scaramaz ci serviamo di soli tre semplici ‘ingredienti’: terra, acqua e fuoco.

Per realizzare i nostri amplificatori naturali, infatti, partiamo da una base di argilla bianca tutta italiana (per la precisione, proveniente dal piccolo borgo di Civita Castellana, nell’alto Lazio), ovvero, terra pura.

A questa aggiungiamo tanta acqua quanto necessario: nemmeno questo è per noi un ingrediente a caso, infatti per realizzare i nostri Scaramaz ci serviamo del lago di Ridracoli, rinomata perla della provincia di Forlì, e delle sue spettacolari acque.

Terra e acqua incontrano così gli scarti di precedenti produzioni, tra ritagli e oggetti rotti, per formare una miscela chiamata barbottina la quale, colata a mano in appositi stampi in gesso, si indurisce e diventa un primordiale Scaramaz.

Gli stampi in gesso vengono riempiti con la barbottina

Estratto dallo stampo, il nostro amplificatore viene rifinito dalle sbavature e su di esso si intagliano le fessure nelle quali si andrà ad inserire lo smartphone. 

Asciugato per ventiquattrore, rifinito e levigato nuovamente e sempre a mano, con acqua e spugna, lo Scaramaz viene cotto una prima volta in un forno a gas (alla temperatura di 1080 gradi), smaltato con colori ad acqua e cotto una seconda volta però in un forno elettrico, alimentato da un impianto fotovoltaico (alla temperatura di 980 gradi): è la fase del fuoco.

Il nostro amplificatore è così pronto nella sua versione base e può trasformarsi in tutte le sue infinite varianti, controllato poi dal servizio qualità ed imballato per partire a regalare emozioni ovunque. Come già per l’impianto fotovoltaico e l’utilizzo di scarti di produzione, anche la scelta della nostra carta si fa occasione per praticare attenzione verso l’ambiente, essendo questa recuperata da scarti di produzione.

Ogni singolo pezzo viene incartato a mano con carta riciclata.

Scaramaz, il tuo amplificatore di emozioni 100 % artigianale, 100% green, 100% Made in Italy