fbpx

Tra sogno e realtà: un viaggio in casa Crescentini

Scaramaz_donna
3 designers italiane che dovresti conoscere
8 Marzo 2021

Ispirazioni creative e talento artigiano.

Qualcosa di bello e qualcosa di funzionale.

Il rispetto della tradizione e l’attraversamento del contemporaneo.

Un po’ di scienza e un po’ di design.

L’attenzione per i dettagli e la passione per l’ambiente.

Nello storico laboratorio di Rimini che è la casa delle Ceramiche Crescentini si avvicendano molte anime ed è da questo incrocio virtuoso che nascono Scaramaz e gli altri mille progetti di arte ceramica che hanno reso famoso questo centro creativo nel cuore della Romagna un po’ ovunque.

E’ Fabrizio il cuore pulsante di casa. Artigiano e artista, è dalle sue visioni che nascono oggetti progetti che incrociano alla perfezione utilità e piacere. Già, basta aggirarsi tra le gli scaffali polverosi e le tavole ancora bagnate di acqua e argilla del suo laboratorio per vedere che niente di quello che viene da lui ideato e quindi creato non sia ‘bello’ quanto ‘necessario’: Scaramaz è solo uno tra i tanti esempi di progetto creativo che risponde a un bisogno, ha una funzione, eppure ha una sua bellezza intrinseca per la quale si fa anche semplicemente bello da guardare. 

E’ Fabrizio che tra passione (estrema) e lucidità (altrettanto estrema) guida questa impresa (e qui il termine vale in tutti sensi, assetto societario quanto progetto immaginifico) ma non potrebbe farlo senza essere felicemente accompagnato. E così che scopriamo che a casa Crescentini senza Laura e Patrick nulla di quello che accade sarebbe possibile: dietro ogni dettaglio, ogni intuizione creativa, ogni sogno, ci sono numeri da far quadrare, ordini da evadere, scaffali da spostare. Il lavoro di squadra è tutto in questo spazio dove, da oltre trent’anni, nessun dettaglio è lasciato al caso e i risultati e l’attenzione intorno al progetto lo dimostrano molto bene. 

Nuovi progetti sono pronti per prendere in vita, in questo spazio creativo sospeso tra sogno e realtà e noi non vediamo l’ora di svelarveli.